Benvenuti nel sito ufficiale del Santuario della Madonna del Tindari

 

bullet

ll Nuovo  Santuario  

bullet

Il Vecchio Santuario

bullet

Preghiere alla Madonna del Tindari

bullet

Il Santo Rosario

bullet

Restauro della statua 

bullet

 Il Periodico "La   Madonna  del Tindari"

bullet

Le Sorelle  Speranzine 
bullet

L'attività delle Speranzine e le opere del Santuario

bullet

Bar del Pellegrino 

bullet

Per inviare Offerte al Santuario 

bullet

La Casa della Vita

bullet

La storia

bullet

La leggenda 

bullet

L'Organo           

bullet

L'antica Tyndaris

bullet

Norme per la celebrazione dei matrimoni

bullet

Indulgenze da lucrare al Santuario
bullet

indulgenza plenaria perpetua

 

spartito Evviva del Tindari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTO di CONSACRAZIONE

alla MADONNA del TINDARI  

 

Vergine pietosissima del Tindari, Madre nostra, Fiducia nostra, prostrati ai Tuoi piedi. Ti manifestiamo il nostro amore e Ti ringraziamo delle grazie che, a piene mani, hai versato su di noi e su tanti nostri fratelli.

Ti ringraziamo ancora per quel commovente, edificante spettacolo di entusiasmo e di pietà filiale che ci offri nel Tuo Santuario, dove si sente potente e benefica la Tua presenza.

Ci ricordiamo però d’aver tante volte prevaricato, d’aver disconosciuto e vilipeso il Tuo amore.

Perdonaci, o Madre buona, cancella tutte le macchie dell’anima nostra col soffio potente della Tua misericordia.

Ma cosa Ti daremo in ricambio dei tanti benefici ricevuti? Cosa noi faremo per riparare al Tuo amore oltraggiato? Niente abbiamo che sia degno di Te, o Vergine pietosa. Solo sentiamo pulsare in fondo al petto il nostro cuore: un cuore povero, ma contrito e riconoscente, non abbiamo altro. Accettalo, o Madre del Tindari, questo cuore che Ti offriamo senza riserve e che fiduciosamente nascondiamo nell’arca misteriosa del Tuo Cuore di Madre, perchè lo purifichi e lo renda degno di Te, colla potenza del Tuo grande amore.

E nel farti questo dono, ancora umiliamo ai Tuoi piedi il fermo proposito di propagare sempre più la Tua devozione, per dilatare il Tuo regno d’amore tra i nostri fratelli.

Ed in cambio di quest’offerta spontanea e generosa, Ti chiediamo una cosa sola: la Tua Benedizione, per quasi costringerti a nuove e più belle vittorie di cui l’ultima ci conquisti il porto della felicità, dove saremo affascinati dalla luce del Tuo soavissimo volto, o pietosa Vergine, potente Regina del Tindari, Madre nostra, Fiducia nostra.

 

(Giuseppe Pullano)