Benvenuti nel sito ufficiale del Santuario della Madonna del Tindari

 

bullet

ll Nuovo  Santuario  

bullet

Il Vecchio Santuario

bullet

Preghiere alla Madonna del Tindari

bullet

Il Santo Rosario

bullet

Restauro della statua 

bullet

 Il Periodico "La   Madonna  del Tindari"

bullet

Le Sorelle  Speranzine 
bullet

L'attività delle Speranzine e le opere del Santuario

bullet

Bar del Pellegrino 

bullet

Per inviare Offerte al Santuario 

bullet

La Casa della Vita

bullet

La storia

bullet

La leggenda 

bullet

L'Organo           

bullet

L'antica Tyndaris

bullet

Norme per la celebrazione dei matrimoni

bullet

Indulgenze da lucrare al Santuario
bullet

indulgenza plenaria perpetua

 

spartito Evviva del Tindari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fra le tante, l'ipotesi maggiormente suffragata dalla tradizione popolare e dalle affermazioni di alcuni autori antichi, è che la chiesa sia rimasta tra le rovine della città distrutta. 
Secondo tale ipotesi, la chiesa poté essere costruita nel periodo in cui Tindari fu sede di diocesi. Non è facile però pretendere di conoscere se essa sia stata o meno tempio pagano trasformato in tempio cristiano, anche perché non è in alcun modo possibile un esame reale della situazione, in quanto la precedente chiesa andò distrutta nel 1544.
 
Le notizie, sia pur frammentarie, che si hanno sull'antica diocesi di Tindari, sono sufficienti a dare la certezza della sua esistenza. Ora, essendo stata Tindari sicuramente sede di diocesi per alcuni secoli, è logico ritenere che in essa vi siano state delle chiese.

Sembrerebbe pertanto alquanto probabile, e si legge anche in qualche modo nelle testimonianze di antichi scrittori, che fra le pochissime case risparmiate dalla distruzione degli Arabi, vi sia stata anche la chiesa, ove, probabilmente, sarebbe già stata portata la Statua della Madonna, nel
ricostruì ampliandolo e annettendovi dei locali per l'alloggio del personale addetto al culto. Sulla bugna-chiave del portale d'ingresso troviamo scolpito l'anno 1598, forse l'anno di completamento del portale stesso.
Il tempio, attraverso questi quattro secoli di vita, ha avuto vari restauri, ma sostanzialmente è rimasto  lo stesso, così come oggi si vede, nella sua semplicità. 
L'antico, piccolo Santuario è di capacità assai limitata, perciò non poteva più contenere le folle dei pellegrini sempre crescenti, essendosi incrementata a dismisura la devozione alla Madonna bruna. Esso ha il pregio dell'antichità, e stato costruito sui ruderi del primo Santuario, contiene tanti cari ricordi dei secoli passati. Perciò è stato risparmiato contro ogni progetto di ampliamento ed oggi è gelosamente custodito.
Per ben quattro secoli migliaia e migliaia di fedeli, dimentichi delle preoccupazioni della vita, hanno elevato la loro mente ed il loro cuore al Signore e si sono rivolti a Colei ch'è "la Madre nostra, la Fiducia nostra". Dal canto suo qui, in questo tempio, la dolce Vergine del Tindari, sensibile a tutte le preghiere ed ai gemiti dei figli, ha profuso a piene mani i tesori delle sue grazie.

 

Home